– L’assegno unico ed universale costituisce un sostegno finanziario mensile destinato alle famiglie con figli a carico. Questo contributo è concesso a partire dal settimo mese di gravidanza e perdura fino al compimento dei 21 anni da parte dei figli.

Assegno Unico 2024 Secondo figlio

Il pagamento dell’assegno verrà effettuato entro 60 giorni dalla ricezione della domanda. Per le domande inoltrate entro il 30 giugno dell’anno corrente, il beneficio dell’assegno avrà effetto a partire dal mese di marzo dello stesso anno.

Ti Trovi in: Home 9 Diritto di famiglia 9 Assegno unico 2024 per il secondo figlio

Assegno unico 2024 per il secondo figlio – Torna all’indice ^

Se soddisfatti i requisiti previsti dalla legge è possibile inoltrare la domanda per richiedere l’assegno unico nei seguenti casi:

  • per ogni figlio minorenne a carico e, per i nuovi nati, a partire dal settimo mese di gravidanza
  • per ogni figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni, per il quale ricorra una delle seguenti condizioni:
  • 1) frequentazione di un corso di formazione scolastica o professionale, oppure un corso di laurea, ovvero il figlio maggiorenne frequenti o sia iscritto a:
  • – licei, istituti tecnici, istituti professionali di durata quinquennale per il conseguimento di un diploma di scuola secondaria superiore;
  • – percorsi di Formazione Professionale Regionale (Centri di Formazione Professionale), a cui si accede dopo la scuola media e che normalmente ha una durata di 3 o 4 anni finalizzata a ottenere una Qualifica professionale ovvero, dopo il quarto anno, il Diploma professionale di tecnico;
  • – percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS), sia pubblici che privati, a cui normalmente si accede se in possesso di diploma di scuola superiore, aventi durata annuale e con cui si consegue una specializzazione professionale di 4° livello EQF ;
  • – Istituti Tecnici Superiori (ITS), di durata biennale o triennale, cui normalmente si accede con il diploma di scuola secondaria, conseguendo al termine del percorso una qualifica di “Tecnico superiore” di 5º livello EQF;
  • – corso di laurea riconosciuto dall’ordinamento;2) svolgimento di un tirocinio oppure di un’attività lavorativa e possesso di un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui3) condizione di disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego

    4) svolgimento del servizio civile universale

  • per ogni figlio con disabilità a carico per cui non sono previsti limiti di età.
assegno unico secondo figlio nascita

Importo assegno unico secondo figlio – Torna all’indice ^

Limporto dellAssegno Unico figli è variabile e viene determinato in base allISEE del nucleo familiare richiedente e all’età dei figli a carico e, come stabilito dal Dlgs 230/2021 che disciplina l’aiuto per i figli, l’ammontare destinato ai genitori viene periodicamente adeguato al costo della vita.

Come sarà rivalutato l’assegno unico per l’anno 2024? Secondo quanto ipotizzato dal quotidiano “Il Sole 24 Ore” verrà applicato un tasso di rivalutazione del 5,4%, fissato per le pensioni tramite decreto del Mef del 27 novembre.

La percentuale ufficiale verrà decisa con un comunicato di Istat a gennaio e andrà applicata sia sugli importi base per ciascun figlio, sia sulle soglie Isee sia sulle maggiorazioni.

In concreto si avrà quindi un assegno unico con importo minimo, per i redditi oltre 45,575 euro, che sale a 57,20 euro e un assegno unico con importo massimo, per i redditi fino a 17,090 euro, che arriva a 199,40 euro. L’Inps comunicherà a gennaio le modalità operative dell’erogazione che potrebbe non essere calcolata nella prima mensilità ma a conguaglio con il tasso definitivo a partire da marzo 2024.

Ricordiamo che l’importo dell’assegno unico prevede una variazione da 54 euro al mese circa (quota minima) a 189,2 euro (quota massima) per ogni figlio, attribuite in base alle soglie Isee.

La Manovra ha altresì stabilito che:

  • per i genitori di figli sotto l’anno di vita e per le famiglie composte da 3 o più figli fino al terzo anno di ciascun figlio (con limite Isee di 40mila euro) vi è un’ulteriore maggiorazione del 50% dell’importo base, portando così l’assegno massimo a 262,5 euro al mese.

Per avere un’idea più precisa dell’importo dell’assegno unico spettante alle famiglie con due figli, è possibile fare riferimento alla tabella riassuntiva o procedere alla simulazione sul sito dell’Inps attraverso la piattaforma che simula l’importo mensile dell’Assegno unico.

Riassunto – Torna all’indice^

  1. Domanda Assegno Unico 2024 per il secondo figlio:
    • Possibile se si soddisfano i requisiti previsti dalla legge.
    • Figli minorenni a carico, dal settimo mese di gravidanza.
    • Figli maggiorenni a carico fino a 21 anni con varie condizioni.
    • Figli con disabilità senza limiti di età.
  2. Importo Assegno Unico Secondo Figlio:
    • Varia in base all’ISEE del nucleo familiare e all’età dei figli.
    • Rivalutazione prevista del 5,4% per il 2024.
    • Importo minimo (redditi oltre 45,575 euro): 57,20 euro.
    • Importo massimo (redditi fino a 17,090 euro): 199,40 euro.
    • Variazione da circa 54 euro a 189,2 euro mensili per ogni figlio, basata sulle soglie ISEE.
  3. Maggiorazioni e Ulteriori Dettagli:
    • Ulteriore maggiorazione del 50% per genitori di figli sotto l’anno di vita e famiglie con 3 o più figli fino al terzo anno di ciascun figlio (ISEE limite 40,000 euro).
    • L’Inps comunicherà le modalità operative a gennaio, con erogazione a marzo 2024.
    • Possibilità di simulare l’importo attraverso la piattaforma Inps.

 

Assistenza legale alle Imprese

Informazioni sull'Autore

Avv. Antonio Polenzani

Lo Studio legale si occupa di tutti gli aspetti giuridici della famiglia con particolare riferimento alle procedure di risoluzione della crisi coniugale (separazione e divorzio), superando il tradizionale ruolo di assistenza per assumere una funzione di mediazione e tutela dei fondamentali interessi della prole.

Chiamaci per un appuntamento
 

Puoi usufruire dei nostri servizi di consulenza anche in video-chiamata.

Alcuni approfondimenti in ambito Diritto di Famiglia