– Rappresenta una causa legittima che giustifica il recesso dal rapporto di lavoro che non dipende da fattori oggettivi.

Licenziamento per giustificato motivo soggettivo

Cosa significa giustificato motivo soggettivoTorna all’indice ^

Il giustificato motivo soggettivo rappresenta una causa legittima che giustifica il recesso dal rapporto di lavoro che non dipende da fattori oggettivi, quali ad esempio la crisi aziendale o la ristrutturazione dell’organizzazione.

Tuttavia, affinché il licenziamento per giustificato motivo soggettivo sia considerato legittimo, è necessario che il datore di lavoro dimostri l’esistenza e la gravità della causa del recesso, fornendo al dipendente una motivazione adeguata e formale.

Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo si delinea nel caso in cui il lavoratore tenga una condotta disciplinarmente rilevante. Rientrano in questa casistica:

> la condotta negligente del lavoratore
> il suo scarso rendimento
> la violazione degli obblighi contrattuali
> la lesione di un interesse rilevante per il datore di lavoro

licenziamento motivo soggettivo

Quali sono i motivi del licenziamento per giustificato motivo soggettivoTorna all’indice ^

I motivi per cui può essere effettuato un licenziamento per giustificato motivo soggettivo sono molteplici e possono variare a seconda delle circostanze specifiche del caso. Tra i motivi più comuni vi sono:

Inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore. In questo caso il datore di lavoro può procedere al licenziamento se il dipendente non rispetta le norme previste dal contratto di lavoro, come ad esempio l’obbligo di puntualità, la corretta esecuzione del lavoro, ecc.

Comportamento incompatibile con le esigenze dell’azienda. Il datore di lavoro può procedere al licenziamento se il comportamento del dipendente è incompatibile con le esigenze dell’azienda rifiutandosi, ad esempio, di collaborare con i colleghi o con la direzione aziendale.

Difficoltà a relazionarsi con i colleghi o con la direzione aziendale. In questo caso il datore di lavoro può procedere al licenziamento se il comportamento del dipendente crea difficoltà relazionali all’interno dell’azienda, causando conflitti con i colleghi o con la direzione.

Riduzione dell’organico aziendale. Il datore di lavoro può procedere al licenziamento per giustificato motivo soggettivo anche in seguito a una riduzione dell’organico aziendale, ma solo se tale riduzione è effettuata in modo oggettivo e non discriminatorio.

Qual è la differenza tra licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo soggettivoTorna all’indice ^

Il licenziamento per giusta causa è una forma estrema di cessazione del rapporto di lavoro che si attua quando il lavoratore commette una violazione degli obblighi contrattuali o delle norme interne dell’azienda di gravità tale da non consentire la prosecuzione, neanche provvisoria del rapporto lavorativo, per cui ci sarà una risoluzione immediata del contratto.

Per gravi violazioni si intendono comportamenti come il furto, la violenza sul posto di lavoro, la ripetuta assenza ingiustificata o la mancata esecuzione dei compiti assegnati.

Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, invece, viene effettuato quando il datore di lavoro ritiene che il lavoratore non sia più idoneo a svolgere le mansioni previste dal contratto o che ci sia un eccesso di personale rispetto alle effettive necessità dell’azienda.
In questo caso, non vi è alcuna colpa da parte del lavoratore.

Nel caso del licenziamento per giusta causa, il lavoratore non ha diritto né alla preavviso né all’indennità di fine rapporto. Nel caso invece del licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il lavoratore ha diritto ad un preavviso proporzionale alla durata del rapporto e ad un’indennità di fine rapporto calcolata sulla base dell’anzianità.
richiedi un appuntamento

Che differenza c’è tra licenziamento oggettivo e soggettivoTorna all’indice ^

La principale differenza tra i due tipi di licenziamento risiede nella motivazione alla base dei 2 provvedimenti; il licenziamento oggettivo è giustificato da ragioni oggettive indipendenti dalla volontà del datore di lavoro, quali ad esempio la riduzione dell’organico o la chiusura dell’azienda, mentre il licenziamento soggettivo è motivato da comportamenti o atteggiamenti del lavoratore che inficiano in modo grave e irreparabile il rapporto di fiducia con il datore di lavoro.

In particolare, il licenziamento per giustificato motivo soggettivo può essere disposto dal datore di lavoro solo nei casi previsti dalla legge, quali ad esempio l’insubordinazione del lavoratore, la negligenza grave nell’esecuzione delle mansioni affidate, l’abuso di permessi o assenze non autorizzate e così via.

Ricorrere contro il provvedimento di licenziamentoTorna all’indice ^

Il lavoratore ha a disposizione 60 giorni per impugnare il licenziamento e questo termine scatta dal momento del ricevimento della lettera; a questa seguirà una lettera nella quale il lavoratore, o il suo legale di fiducia, contesta la decisione aziendale, indicando le ragioni per cui tale provvedimento sia da ritenersi illegittimo.

Dalla data di spedizione della lettera di impugnazione scatta un ulteriore termine, di 180 giorni, per depositare il ricorso nella cancelleria del Tribunale del Lavoro.

L’avvocato a cui il lavoratore si è rivolto deposita nella cancelleria del Tribunale del Lavoro un ricorso nel quale si contesta il provvedimento e vengono esposti i profili che lo rendono illegittimo.

Il Giudice fissa l’udienza di discussione e l’avvocato dovrà notificare il ricorso ed il decreto di fissazione dell’udienza al datore di lavoro.

A quel punto si svolgerà il processo che si concluderà con la pronuncia del Giudice sulla legittimità o meno del licenziamento.

Assistenza legale alle Imprese

Informazioni sull'Autore

Avv. Antonio Polenzani

Avvocato giuslavorista, si occupa di diritto del lavoro e previdenziale in ambito pubblico e privato. Grazie ad una rigorosa analisi delle dinamiche che caratterizzano il mondo del lavoro riesce a garantire una consulenza altamente professionale, fornendo soluzioni pragmatiche e soddisfacenti.

Chiamaci per un appuntamento
 

Puoi usufruire dei nostri servizi di consulenza anche in video-chiamata.

Alcuni approfondimenti in ambito Diritto del Lavoro

Il licenziamento per giusta causa

Il licenziamento per giusta causa

Attuare condotte particolarmente disdicevoli e gravi sotto il profilo disciplinare da parte del lavoratore può comportare l’adozione di un provvedimento di licenziamento per giusta causa.

leggi tutto
Gli scatti di anzianità dei docenti: una panoramica

Gli scatti di anzianità dei docenti: una panoramica

I docenti godono di una serie di scatti di anzianità, che possono variare a seconda della natura del contratto e della tipologia di scuola. In generale, gli scatti di anzianità per i docenti sono in base al servizio svolto e alla titolarità sul posto.

leggi tutto
'); }); });