– Il riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio può essere fatto nell’atto di nascita.

Regolamentazione figli nati fuori dal matrimonio

Ti trovi in: Home = Avvocato diritto di famiglia = Regolamentazione figli nati fuori dal matrimonio

Secondo la legge il figlio nato fuori dal matrimonio può essere riconosciuto dal padre e dalla madre, anche se all’epoca del concepimento erano sposati con un’altra persona.

Il riconoscimento può avvenire in modo congiunto oppure separato (art. 250 co. 1 c.c.).
Il riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio può essere fatto nell’atto di nascita.

Si procede dopo la nascita o il concepimento, con un’apposita dichiarazione rilasciata davanti a un ufficiale di stato civile, in un atto pubblico redatto da un notaio, in un testamento, qualunque sia la forma dello stesso (art. 254 c.c.), che dovrà provenire da un notaio o da altro pubblico ufficiale con poteri di ufficiale di stato civile.

Il riconoscimento attraverso testamento produce effetto dall’apertura della successione, dal giorno della morte del testatore.

Una volta effettuato, il riconoscimento non può essere revocato, neanche con testamento (art. 256 c.c.).
Il riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio non è ammesso se dovesse essere in contrasto con lo stato di figlio legittimo o di figlio naturale.

Quando viene fatto il riconoscimento, il genitore che lo ha effettuato assume gli stessi diritti doveri che ha nei confronti di un figlio nato durante il matrimonio.

Nasce un rapporto di filiazione ed entrambi assumono i diritti e i doveri di responsabilità, assistenza morale e materiale.
Nasce un rapporto di parentela tra il figlio riconosciuto e i parenti del genitore (art. 258 c.c.).

Richiesta info e appuntamenti

Richiesta consulenza legale

Informativa trattamento dati

3 + 10 =

Recapiti
Via Angelo Blasi 32
06132 Perugia (PG)
Tel: +39 075 3724222
Email: [email protected]