– Nel diritto penale, la sottrazione di minorenne è relativa alla custodia oppure al trasporto di una persona, di età inferiore agli anni 18.

Sottrazione di minorenni

Ti trovi in: Home = Avvocato diritto di famiglia = Sottrazione di minorenni

Nel diritto penale, la sottrazione di minorenne è relativa alla custodia oppure al trasporto di una persona, di età inferiore agli anni 18, contro la sua volontà, di solito per mettere quella persona in un luogo nascosto e senza nessuna autorità stabilita da una legge.

Nella realtà attuale, si registra un incremento di rapimenti di minori in seguito a separazioni o divorzi quando uno dei genitori desidera tenere per sé il figlio nonostante quello che ha stabilito l’autorità giudiziaria.

A differenza dei sistemi penali anglosassoni, il reato previsto dagli articoli 573 e 574 del codice penale, sussiste quando l’agente ponga in essere la sottrazione senza il consenso di uno dei due genitori, a meno che il fatto non avvenga allo scopo di tutelare il minore da un’eventuale comportamento pregiudizievole.

Questo accade perché il legislatore italiano considera sempre superiore l’interesse del minore.

I genitori, eventualmente, possono affidare il minore a terzi nell’ambito della cerchia dei parenti oppure custodirlo nella prospettiva di un matrimonio se il minore abbia compiuto il sedicesimo anno e sia stato sentito il proprio parere favorevole al negozio.

La sottrazione si differenzia dal sequestro (art. 605 c.p.) che prevede un’aggravante specifica se compiuto in danno del minore, in particolare attraverso l’utilizzo di violenza o simile, anche da parte del genitore.

Richiesta info e appuntamenti

Richiesta consulenza legale

Informativa trattamento dati

4 + 1 =

Recapiti
Via Angelo Blasi 32
06132 Perugia (PG)
Tel: +39 075 3724222
Email: [email protected]