– Spesso chi subisce un infortunio sul lavoro non è a conoscenza delle azioni da intraprendere per non scontrarsi con il proprio datore di lavoro o i colleghi.

Infortuni sul lavoro

Ti trovi in: Home = Avvocato diritto del lavoro = Sinistri sul lavoro
Spesso chi subisce un infortunio sul lavoro non è a conoscenza delle azioni da intraprendere per non scontrarsi con il proprio datore di lavoro o i colleghi.

L’INFORTUNIO SUL LAVORO È SEMPRE RISARCITO?

La risposta, nella maggior parte di casi, è affermativa.
Tuttavia, è bene precisare come il lavoratore non venga risarcito, qualora, sebbene si infortuni sul posto di lavoro, la sua condotta sia stata del tutto avulsa dalla prestazione lavorativa affidatagli, nonché, a fronte di comportamenti abnormi ed imprevedibili (esorbitanti dalla sfera lavorativa governata dal soggetto datoriale al quale può essere attribuibile l’evento).

Il Datore di Lavoro, infatti, non è responsabile qualora il lavoratore svolga una prestazione non richiesta e non prevista. In questo caso è irrilevante che il Datore abbia fornito o meno le attrezzature necessarie a tutelare l’integrità psico-fisica del lavoratore e abbia esercitato o meno il controllo sulla conseguente esecuzione nel rispetto dei paradigmi di sicurezza richiesti.

Sotto il profilo assicurativo, per giurisprudenza consolidata, il comportamento colposo del lavoratore, tra cui rientra anche la violazione dell’obbligo di utilizzare i dispositivi di protezione individuale (DPI), non comporta di per sé l’esclusione dell’operatività della tutela prevista dall’assicurazione gestita dall’INAIL.

Il comportamento colposo del lavoratore potrebbe però ridurre o escludere la responsabilità del Datore di Lavoro, facendo venir meno il diritto dell’infortunato al risarcimento del danno nei suoi confronti.

Richiesta info e appuntamenti

Richiesta consulenza legale

Informativa trattamento dati

13 + 12 =

Recapiti
Via Angelo Blasi 32
06132 Perugia (PG)
Tel: +39 075 3724222
Email: [email protected]